Un defibrillatore può


aiutare un paziente in 

arresto cardiaco



L'importanza della defibrillazione come parte della rianimazione nella catena della sopravvivenza

In caso di arresto cardiaco, le possibilità di recupero sono significativamente influenzate dal ritardo durante il quale il ritmo cardiaco e la circolazione sanguigna possono essere ripristinati. La circolazione sanguigna può essere parzialmente mantenuta con una RCP efficace, ma la rimozione di un'eventuale aritmia causata da un arresto cardiaco richiede una corrente elettrica fornita da un defibrillatore.




FORMAZIONE

La formazione rappresenta un elemento di riferimento fondamentale che il lavoratore ma anche il cittadino deve avere per potersi relazionare in alcune situazioni che esulano dalla normalità siano esse  per la prevenzione di infortuni ed incidenti nei luoghi di lavoro, siano esse per salvare una vita in situazioni di emergenza.
L’importanza della formazione è spesso sottovalutata, ma per ottenere un livello di salute e sicurezza elevato è fondamentale formare i propri dipendenti/collaboratori.

Possiamo offrire una serie di corsi i cui temi  vanno dalla informazione per tutti i lavoratori su problematiche di sicurezza sul lavoro, addetti antincendio di cui DM 20/03/98, fino al primo soccorso aziendale di cui DM 388/03 compresi i corsi BLS e BLS-D.

siamo in grado di fornire un vasta gamma di corsi per personale medico con possibilita di erogare crediti formativi ECM .

I corsi  possono essere organizzati sia nelle nostre strutture che presso la sede dei clienti che ne fanno richiesta e  rispondono ai requisiti previsti dalla normativa di riferimento.

Per informazioni sui prossimi corsi inviare un email a info@sefor-roma.it


DECRETO BALDUZZI


Obbligo del Defibrillatore 

per le Società Sportive

NORMATIVA – DEFIBRILLATORI IN AMBITO SPORTIVO

l Decreto Balduzzi dal 1° luglio 2017 impone l'obbligo del defibrillatore per tutte le società sportive, professionistiche e dilettantistiche

Il Decreto Balduzzi, che prende il nome dal ministro della Salute del governo Monti, Renato Balduzzi, è un ‘decreto omnibus’ sulla sanità. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 13 settembre 2012, è suddiviso in 14 punti, che vanno dall’intramoenia, fino alle nuove limitazioni sulla vendita dei tabacchi e al contrasto alla ludopatia. È maggiormente noto, però, per aver introdotto l’obbligo del defibrillatore per le società sportive.


Il Decreto dal 1° luglio 2017 impone l'obbligo del defibrillatore per tutte le società sportive, professionistiche e dilettantistiche

Il Decreto Balduzzi, che prende il nome dal ministro della Salute del governo Monti, Renato Balduzzi, è un ‘decreto omnibus’ sulla sanità. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 13 settembre 2012, è suddiviso in 14 punti, che vanno dall’intramoenia, fino alle nuove limitazioni sulla vendita dei tabacchi e al contrasto alla ludopatia. È maggiormente noto, però, per aver introdotto l’obbligo del defibrillatore per le società sportive.




ASSISTENZA DAE


Il defibrillatore è un apparecchiatura salvavita che deve fare una corretta analisi sul paziente per riconoscere la presenza di eventuali ritmi cardiaci defibrillabili .

L’unico modo per verificare che il  defibrillatore faccia correttamente queste cose è sottoporlo ad una verifica tecnica su analizzatore, lo strumento è in grado si simulare l’arresto cardiaco con diversi tipi di aritmia portando il defibrillatore ad emettere una vera e propria scarica, misurandone poi con precisione la quantità di energia erogata e i tempi di erogazione.

A chi è rivolto?

  • Di seguito l’estratto della legge che tratta di questo aspetto e nella pagina successiva i “Termini del Servizio”: 

Gazzetta Ufficiale Della Repubblica Italiana del 20/07/2013 conversione in Legge Allegato (E) Punto 4.3 Manutenzione e segnaletica: 

Punto 4.3 Manutenzione e segnaletica: I DAE devono essere sottoposti alle verifiche funzionali, ai controlli ed alle manutenzioni periodiche secondo le scadenze previste dal manuale d’uso e nel rispetto delle vigenti normative in materia di apparati elettromedicali. 

I DAE devono essere mantenuti in condizioni di operatività; la batteria deve possedere carica sufficiente a garantirne il funzionamento; le piastre adesive devono essere sostituite alla scadenza. 

Gli enti proprietari dei DAE possono stipulare convenzioni con le Aziende Sanitarie o con soggetti privati affinché gli stessi provvedano alla manutenzione delle apparecchiature, ponendo comunque i costi a carico del proprietario.

Prova di scarica 

  • Siamo in grado di effettuare Verifiche Funzionali e Prove di Scarica su qualsiasi modello di Defibrillatore, successivamente alla verifica con "esito positivo" verrà rilasciato un certificato timbrato e firmato dal nostro laboratorio con i risultati di tutte le prove eseguite.


Hai bisogno di una consulenza ?

Compila il modulo di contatto qui sotto ​, sarai ricontattato da un nostro consulente che ti aiutera a scegliere l offerta piu idonea alle tue esigenze.

Cosa stai cercando?

Categorie prodotti

Marchi

Prezzo

Filtra